Partiamo dal pugilato: non è altro che un succedersi di round. Incassare, incassare, tenere duro e non cedere. E colpire al posto giusto,nel momento giusto” (Jean Claude Izzo-Casino Totale)

La boxe è una disciplina divertente, coinvolgente ma dura e difficile. Corpo e mente. Pochi altri sport creano nell’atleta quel senso di sicurezza, rispetto, disciplina che la “nobile arte” trasmette . A chi la pratica e a chi ne è spettatore.

La prepugilistica è il “dietro le quinte” della boxe. E’ la fase di allenamento tecnico e atletico del pugilato,senza l’aspetto agonistico,e,soprattutto,senza il reale contatto fisico con un avversario.

L’allenamento preparatorio al pugilato sviluppa le capacità coordinative ed atletiche,oltre a dare un notevole e armonico potenziamento muscolare.

L’allenamento,sempre vario e diverso,comincia con una fase di riscaldamento cardiovascolare (corsa,salto alla corda…),poi si lavora sull’acquisizione delle tecniche di base della boxe,si utilizza il sacco,si lavora con i compagni di allenamento. Ci sono fasi più specifiche per il potenziamento muscolare,circuiti ,e stretching al termine della sessione.

E’ rivolta a ragazzi,ragazzi,uomini e donne,perché è uno sport semplice e intenso,bello da praticare,e ottimo per quanto riguarda gli effetti fisici: è una disciplina ideale per mantenersi in forma,migliorare la resistenza aerobica e muscolare. Si lavora sul sistema neuromuscolare (prontezza di riflesso),e ci si accorge che superare i propri limiti può essere molto divertente!!